Category: Pescia

aprile 2nd, 2009 by admin

La storia dei fiori e del mercato di Pescia. 

La città di Pescia, in Toscana deve la sua fama per per la coltivazione dei fiori.
D’altronde nessuno, né uomo né donna, pensava a vendere quei violi, quegli amorini, quelle gaggie, quei gigli. Nessuno allora pensava che i fiori dei campi, i narcisi, gli anemoni, i tulipani, fossero fiori degni di una santa o di una innamorata. Al più, avevano qualche poco di stima le rose borracine, i pelargoni, le pansé, le camelie, le vainiglie.


Sarebbe curioso seguire la moda dei fiori: sarebbe forse un elemento per la storia del costume e della civiltà attraverso il tempo e le fortune degli uomini. 
Poi a Pescia capitò qualche forestiero con l’orologio d’oro al polso, qualche signora con i fianchi alti e gli occhi lunghi, e andavano a cercare gli ortolani e chiedevano cento garofani di quelli lì, che fiorivano nel campetto dietro alla casa.
Ormai, questi fiori di Pescia erano conosciuti, erano apprezzati. I compratori andavano da un orto all’altro; qui una qualità, qui un’altra; e uno ne chiedeva tanto, e uno di più, e uno di meno.
Allora si volle dare ordine a questo nuovo commercio, si pensò di istituire un mercato dei fiori con la sua sede, le sue regole, i suoi tempi.
Nel 1930 furono venduti nove milioni di garofani, senza contare gli altri fiori d’estate; dieci anni dopo, trentasei milioni
Il mercato dei fiori nel chiostro di Santa Maria non bastava più per tanti fiori e non pareva decente per tanta bellezza e di carne e di foglie. I nostri floricoltori parlavano di costruirne uno tutto nuovo; un grande stanzone sì, però da non far grande spesa. Ma come farlo, ma dove farlo?
Comprarono certi campi a mezza strada fra la piazza grande della città e la stazione ferroviaria. Chiamarono tutti gli architetti d’Italia a concorrere per la costruzione del mercato; tanti presentarono disegni, o come dicono nel loro gergo, elaborati pregevoli.
Fu scelto quello di un gruppo di architetti toscani: Enzo e Giuseppe Cori, Ricci, Savioli e Emilio Brizzi. Il loro progetto è una bella invenzione, una volta alta e leggera, quasi in volo fra verde di olivi e azzurro di cielo.

A Pescia ortolani, mezzadri, padroni di terre, si misero a coltivare garofani, e ne portarono al mercato non decine, ma centinaia di milioni, fra il giugno e l’ottobre. 
In questi ultimi anni la produzione dei garofani a Pescia è forse diminuita nei mesi estivi perché alcuni floricoltori pesciatini hanno voluto trasformare un mercato stagionale in un mercato annuale. Hanno perciò costruito numerose serre a Pescia dove il tepore di una piccola estate invoglia le gemme a fiorire anche quando il cielo si aggronda e il gelo rapprende la terra. Ma il tanto non è quello che conta; conta che nel meno e nel più, si cerchi sempre di migliorare a Pescia le coltivazioni, di creare nuova bellezza di forme e di colori. Un Istituto sperimentale aiuta e consiglia i floricoltori, che d’altronde fanno già bene da soli. Ogni anno nel mese di Aprile si tiene una grande Fiera dei Fiori a Pescia e si espongono le fioriture più nuove e più belle. Ogni giorno partono dal mercato di Pescia, ormai d’importanza nazionale, treni e autocarri speciali e portano le ceste dei garofani in tutte le parti d’Italia, e in Austria e in Germania.

Posted in Pescia Tagged with: ,

aprile 2nd, 2009 by admin

 Colli mansueti di ulivi e di castagni, lente prode di viti, formano la valle della Pescia, matto torrente di acqua limpida ieri, oggi torbido scroscio di spurghi e di scoli. La valle si apre dal settentrione al mezzodì, e placida raggiunge con rade inquietudini di boscaglie e rilievi, le sponde regali dell’Arno. La città di Pescia (nome italico che non sa di pesce) sorge nel punto da cui, a ventaglio, si allargano i colli e la valle si spiana e si dilunga. Non grossa città, paese piuttosto; di nobiltà antica, di toscana bellezza. Capoluogo della vai di Nievole, si imparenta al Valdarno di Sotto, e nella cadenza del dire e nei volti ha un sapore di pisano, e nel respiro, a giorni, un’anima di mare. Ebbe uomini illustri, ha opere d’arte; e lavori e mercati e faccende. Il grande Michele Montaigne passò di qui, ammirò la piazza e le case, gli piacque il vino dei nostri colli, forse un po’ meno, e pur tanto, delle nostre donne; e poi, passando da Montecatini, non volle assaggiarne le acque perché già da quelle del Bagno di Lucca, era ben ripulito dalle sue pietruzze maligne. Il vino sì. Anche il Redi si esilarava di Trebbiano e di Colombano; e il Tommaseo, austero e barbuto, rigustava fra lingua e palato, la schietta parlata di una giovane stupenda e, non ancora cieco, se ne infocava. Ma Pescia è davvero un’industria città. Cartiere, conce, fabbriche di stoviglie, ramai, legnaiuoli di fino. Un tempo anche numerose filande di seta. Le stufe dei bozzoli nuovi, gli alti veroni dove in un brusio di aspi e in un fumare di caldaie si traeva e si facevano matasse di quella bava dorata. E allora, che cori le caldaiole, le maestre, le fattorine; donne sboccate, con le mani bollite. Soprani, contralti; purezze, vibrazioni di una corda di luce, accordi di fili d’argento; e giù, nella via la gente che si ferma e ascolta e appena respira.  Allora. Mezzo secolo fa, in ogni casa di contadino si allevavano i bozzoli, nei campi si piantavano e ripiantavano i gelsi bianchi per la foglia, ghiotta pietanza dei bachi. Era stato un paesano, un Buonvicini, che aveva portato da lontano questo fresco mangiare; ma l’allevamento dei filugelli era antico, e la nostra buona seta era usata da tanto dai drappieri lucchesi. Non solo nelle filande, ma in quasi tutte le case del paese si filava e si incannava la seta. In ogni famiglia di popolo c’era un filatore, e velettai e guantaie.


C’erano, sì, anche cappellai che facevano cappelli da bimbo e da uomo, come diceva uno che chiamavano Faliero e che fu uno degli ultimi artigiani, prima che questo lavorio smettesse, “atteso che” diceva ancora, “gli uomini ormai nascevano senza testa e gli altri l’avevano perduta”. Il mercato dei bozzoli era una festa nelle lunghe sere di giugno, quando si incantano sull’orlo della luce. Li portavano in grandi corbelli, chiusi in cima dalle sottane di cambrì delle nonne di casa; mettevano i corbelli a quattro, a sei file nella piazza grande, in quella piazza che cambia di nome ogni volta che, vedova, si risposa. Cupole d’oro soffice e lustro cingono di un’aureola ardente i volti chini delle massaie che aspettano. Vengono i filandieri, scelgono, sbiluciano, alzano grappoli di bozzoli, allungano le mani a tastare la roba, ridono, contrattano, lasciano un polizzino al sensale. Qualche ladruncolo ruba una manciata e scappa e si perde fra le sottane e i calzoni della gente, qualche pezzente traffica di faloppe. E la sera, nelle bettole e nelle osterie, i contadini si saziano di pane bianco, di fritturina, di tonno, di cacio baccellone, e tornano a casa a notte fatta. La massaia regge i soldi; li tiene nella tasca sotto alla sottana o tra la fascetta e il seno. Quei soldi sono suoi e li divide col padrone del podere. Antica saggezza che gli odierni ridistributori della roba degli altri non hanno davvero. La massaia con la sua parte o prepara il corredo alla figliuola o fornisce i letti e la tavola di lenzuola e tovaglie; lui, il padrone, spende la sua a migliorare il podere. Una legge; e non c’erano né maestri né sbirri per codificarla e farla osservare. Ma l’arte di tirare la seta era proprio rischiosa. Da un giorno all’altro fortuna o rovina, e il peggio più spesso. Una filanda spenge le caldaie, un’altra socchiude i veroni. Non che la roba di seta non sia più ricercata, non che le donne vadano a gambe nude; ma dall’Oriente troppa ne giunge, ma gli alchimisti del piombo per oro hanno trovato altra roba, che lustra sì ma seta non è. E le massaie allora non allevano più filugelli, e i coloni svelgono i gelsi. La città  di Pescia intristiva. Le donne parvero brutte. La gente se ne andava.


Ma intorno alla città, fra le case, nelle isole in mezzo al torrente, c’erano orti e giardini. Solchi di pomidoro, porche di zucche e lattughe e indivie e radicchi e cavoli; campi e cigli che all’avvicinarsi della primavera fiorivano di anemoni, di narcisi, di giacinti, di tulipani, e lucevano sotto il pacato argento degli ulivi. Qualche paesano ci fu, e camminava a sgembo, col naso al vento, che svelse i bulbi di quei fiori e li vendette a certi olandesi grassi e furbi; e ora, in quei campi, a mezza costa, fra marzo e aprile, c’è forse qualche bocca di lupo, qualche rara campanula. Ma giù, nei campi bassi, in fondo alla valle, dove erano granturchi e saggine, e sedani e carciofi, ora si vedono lunghe distese di garofani e folti di tuberose, di gladioli, di dalie, e il piccolo vento dell’alba muove nuovi profumi, esalta nuove forme e nuovi colori.

I contadini non sono più contadini, gli ortolani non sono più ortolani. Pur restando nell’aspetto e nei modi come erano, hanno trovato, o ritrovato?, una sensibilità, un gusto della bellezza, e segreti e leggerezza di giardinieri di principi. Si sono mossi certamente per un’ansiosa speranza di guadagno, sono giunti oltre al guadagno a un’arte delicata, e forse non se ne sono nemmeno accorti. Come in ogni fare, ci furono intoppi, errori, bivi e smarrimenti. Chi si era vantato bravo, chi non era umile e paziente, chi tra le palpebre socchiuse non vedeva in sogno il miracolo della gemma che è fiore, ma voleva ricchezza, subita e tanta, cadeva e scompariva: e invece i buoni, i sinceri, che amavano e credevano, rimasero e si affinarono verso cose sempre più nobili e belle.

In Riviera, in faccia al mare, da tanti anni si coltivano i fiori; ma là fioriscono in primavera e in autunno, mentre da noi nella grande estate, quando le terre si bruciano di sole e di sete. Da noi, aliti di maestrale la mattina, respiri di tramontana la sera; da noi la buona terra serba un lieve umidore che le portano lame d’acqua sottili. Certo, le opere dell’uomo eccitano e correggono, e anche sciupano a volte, la natura con accorgimenti e premure. Tutto quello che fanno i maghi di fuorivia si sa o si crede di sapere; ma i maghi non sanno tutto quello che facciamo noi. Ogni artista ha un suo segreto, intuisce l’intima ansia del mistero che diviene bellezza. E, o sia la terra o l’aria o qualche magia rimasta e ancor viva e operante fra questa gente di Etruria, i fiori nostri, i garofani nostri, non somigliano a quelli di altri campi e di altre arie. Sono più vivi, più teneri, hanno nuovi colori amorosi, profumi sommessi, steli sottili.

Posted in Pescia Tagged with: ,

marzo 31st, 2009 by admin

La Valle della Pescia accentra la massima parte – sono centinaia – delle cartiere di Toscana. Le più sono piccole fabbriche che manda avanti il padrone e vi fa lavorare tutta la famiglia. Tutte fabbricano carta di paglia, soltanto due o tre fanno carte buona, da scrivere, una sola, ormai, vecchia di secoli, conserva l’antica fabbricazione a mano. Gli abeti, i faggi, i pini dell’Abetone, gli ultimi castagni del Pistoiese e del Pesciatino, di Cutigliano, di San Marcello, e del Tamburino e di Croce a Veglia, e poi delle Pizzorne lucchesi e delle valli del Serchio e della Lima, della Pescia maggiore e di quella minore; e gli uliveti e le vigne dei colli che scendono al piano, e l’azzurro velario dei monti Pisani, e le striature di nevi e di marmi dell’Alpe, e il senso nell’aria del mare lontano. Così questa parte della Toscana alta di ponente; e con i suoi paesi, i suoi casolari inerpicati sulle cime, aggrappati lassù come Lucchio alla Penna, a strapiombo, tanto che nelle case si entra dal tetto e i bimbi si tengono a catena come i cuccioli perché non precipitino giù; e con certi nomi che sanno di eretico come Aramo, Calamecca, Stiappa, Fibbialla, o di pagano come Villa Basilica, Veneri, Collodi, e quindi Boveglio, il Ponte del Diavolo, Chifenti. Sono molte le cartiere situate nelle valle di Pescia che fabbricano carta ordinaria, di paglia, di cartaccia di raccatto, per rinvolgere, per ondulare, e cartoni da legatori e da scatole e da calzolai; soltanto due o tre fanno carta raro innamorato di buona e vera carta. Per i vecchi cartai, soltanto la carta a mano era carta e spregiavano quella che fabbricavano le macchine. La Valle di Pescia non è famosa soltanto per carta ma anche per la lavorazione del legno. Non a caso a Collodi, nasce un noto maestro d’ascia, il suo nome era Geppetto. Rosso di pelo, ma con una testa lunga a lucchese e un bel gozzo a punta. Nel tempo di magra non sapeva che fare. Non era uomo di conia. Stava solo; non giocava perché non sapeva tenere a mente le carte, non beveva perché il vino gli dava noia. Stava a bottega, si gingillava, preparava una ponitora, una stanga, una zeppa, un nasello per le pile, un burattino per il maglio. Un burattino, già; un pezzo di legno che va su e giù, che si dimena fra il dente dell’albero e la boga. Geppetto durante un’estate lunga, tutta sole, ne fece uno, due, tre; e, chi sa come, per caso, gli venne fatto un burattino vero. Aveva lì un bel rocchio di quercia, e lavorandovi di ascia, sentì un certo tremore tra le fibre del legno, si accorse che l’ascia voleva fare a modo suo. Lui non si raccapezzava. Ad un tratto si accorse che quel coso che aveva lì davanti pareva un ragazzo; lo toccò e lo sentì caldo, vivo, e pensò al figliolo del Piorna, che era un matterugiolo così, che gli faceva le boccacce e rideva e saltava. A Collodi la gente pensò che Geppetto fosse insanito e diceva che quel burattino era un pezzo di legno e via. Ma il figliolo della fattoressa di Collodi, un certo signor Carlo che stava a Firenze e scriveva sui giornali e giocava al Casino, venne un giorno a desinare dalla mamma, e sentì raccontare di Geppetto e del suo burattino. Ci rise e si lisciò il pappafico, ma poi, per quel vizio di scrivere tutto, ci scrisse un libro.


Un divertimento. Credeva che fosse un racconto per i bambini, credeva che quello che lui aveva chiamato Pinocchio non fosse mai esistito, non credeva punto che quella che lui chiamò la Fata dai capelli turchini fosse davvero una bella bambina. Ma Geppetto sì, credeva tutto, era come un babbo con i suoi ragazzi, e piangeva felice, commosso ai giochi, ai malestri di quello sbarazzino e della sua adorabile amica. E ci credeva la gente di Collodi che di notte e a volte anche al sole di mezzogiorno, udiva, e ode ancora, ridere sì, ridere davanti alla statua di Pinocchio e della Fata che sembrano rappresentare il ratto delle Sabine mentre un uccellacelo spacca il petto a beccate e divora il cuore di lei. Lui, lei, quelli lì ? Che risate, gente mia! E poi, figurarsi. Quando uno, venuto di fuori a fare un bel discorso per commemorare il signor Carlo, fruga e rifruga nelle tasche della gabbana non trovò più i fogli che aveva scritti, e si confuse e si impappinò, lì accanto a lui c’erano Pinocchio e la sua Fata, e se la godevano come matti. Erano loro che avevano preso i fogli del discorso e ne facevan passavolanti per i bambini del paese. E poi, e poi. Chi porta tutti i giorni un fiore sulla tomba di Geppetto, un fiore magari rubato nel giardino della villa?
Gli uomini sono buffi, si credono bravi, ma più che bravi. Credono di fare o rifare Pinocchio, sono certi che Pinocchio è un burattino e la Fatina…E allora monumenti, discorsi, banchetti; e moralità e simboli e spropositi. No, gli uomini, poveri uomini, non sanno. Non sanno che c’è una vita nel mondo segreto, che ci sono altre anime, altri cuori, altre forme di essere. La notte è piena di voci, piena di creature. A volte gli uomini, questi impiegati della vita, le sentono, le odono, ma istupiditi dal loro impiego e dal loro poco salario, credono di sognare, e poi, quando si destano, dicono: ho sognato che… non ricordo. Non ricordano. Dio li benedica e li riaddormenti. E intanto Pinocchio va con la Fata nel giardino della Villa Garzoni, e si nasconde, e lei lo cerca, lo trova, lo picchia, lo bacia. Lei, la Fata. Tanto esile che pare un giunco, tanto bionda che sa di azzurro, con gli occhi grandi grandi come fiordalisi fra petali di rose. E Pinocchio la tiene fra le braccia e si strugge perché vorrebbe che le sue braccia fossero più morbide, più calde, per lei. E le dice: se tu non ci fossi, io che sarei? Ma gli uomini non sanno. Stupidi come sono, fanno pagare, con una moneta tosata, il biglietto per lasciar vedere un burattino e una burattina in bronzo. E invece quelli veri, di carne, di respiro, sono dovunque, da sempre e per sempre. Sono nel giardino della Villa a dar acqua al labirinto quando uno sciocco turista vi si è smarrito; sono nella cartiera vicina, la Fata a scegliere e a sperare la carta, e lui, Pinocchio, le respira sul collo e le scioglie un lungo ricciolo di cielo.

Posted in Pescia Tagged with: ,

settembre 8th, 2008 by admin

Si terrà a Pescia, in Toscana, il Corso di Web Marketing Turistico organizzato dallo staff di Giorgio Tave con la presenza di Nicola Briani, Deborah Del Cortona e Giorgio Taverniti.

Verranno trattati temi relativi al web legato al turismo, con la spiegazione di casi particolari relativi a hotel, tour operator, bed and breakfast e promozione eventi territoriali.

Partendo dal progetto iniziale verranno trattati:
– Il target e lo studio del comportamento dell’utente in relazione ai periodi dell’anno,
– le chiavi più ricercate a tema turistico nei motori di ricerca,
– la grafica ottimale per il call to action
– la promozione nei portali strettamente legati al turismo.
– evoluzioni di google maps
– Senza tralasciare booking, venere, expedia e gli altri maggiori portali.


Costo della conferenza:

per le due giornate il costo della conferenza è di € 149 più iva

Come fare per partecipare:

Per partecipare è necessaria la preiscrizione gratuita in questa pagina: http://www.gtstudydays.it/pescia.htm

Successivamente verrà inviata una mail dove saranno riportati i dati per i pagamenti e i dati per la fatturazione.


Convenzione soggiorno in B&B a € 17.50

Sono inoltre previsti convenzioni particolari per il soggiorno a Pescia al B&B Cecco al costo di € 17.50 a persona. Chiedere di Federico.

Come raggiungere Pescia:

in treno dalla Stazione Santa Maria Novella di Firenze, treni ogni 30 minuti.
Tempo di percorrenza circa 40 minuti.
In auto: austrada Firenze – Mare uscita Chiesina Uzzanese

Hai bisogno di maggiori informazioni?
lascia qui un tuo commento o contatta il numero 0572 451825.

Posted in Pescia Tagged with: , ,

settembre 1st, 2008 by admin

Partono stasera i festeggiamenti preparatori al Palio di Pescia che si terrà domenica 7 settembre 2008 nella Piazza Mazzini di Pescia.
Ieri sera l’assessore Guia Guidi, nella fase di chiusura della manifestazione Toscana in Fiore, ha segnalato ai numerosi presenti il calendario delle cene propiziatorie dei rioni.
Inizia il Rione Ferraia stasera con una cena che si promette bellissima, come ogni anno.
Saranno presenti mangiafuochi, danzatrici del ventre, spettacolo con gli sbandieratori e danze medievali. Il tutto nella intensa cornice della Piazza tanto cara ai Ferraiuoli davanti la chiesa di San Michele.
Sarà poi il turno del Rione San Francesco, Rione Santa Maria e Rione San Michele, per poi arrivare domenica alla festa vera e propria: il palio degli arcieri.
Un evento da non perdere che rende il Settembre di Pescia ancora più ricco di emozioni.

Posted in Pescia Tagged with: ,

agosto 20th, 2008 by admin

ITINERARI  FLOREALI    a  Toscana in Fiore

Logo Toscana in Fiore agosto 2008

Logo Toscana in Fiore agosto 2008

I  maestri di arte  floreale  italiana della  ” FEDERFIORI” partecipano  –  con idee originali  a ” Toscana in Fiore ” in programma a Pescia dal 29 al 31 agosto   prossimi .  Si tratta  di professionisti   conosciuti  nel gergo popolare   come fiorai che ormai da anni conoscono il pregio e l’adattabilità  dei fiori di Pescia , infatti  i loro  più  accreditati  insegnanti  vengono  periodicamente al Comicent per tenervi dei ”  corsi di arte floreale -linea italiana”   per i loro associati.  La Federfiori ,  che è il ramo specialistico della  Confcommercio,   ha  sposato l’idea  di Toscana in Fiore che è  quella di promuovere la bellezza  dei colori dei fiori ” made in Pescia ed in Toscana” ,legandola alle  particolarità  storico  -artistiche della   città.   I   fioristi della  Federfiori    dunque  hanno   pensato, utilizzando i fiori  di produzione locale e regionale e particolari  di questa stagione estiva,   di realizzare degli addobbi  nelle Chiese e negli altri edifici di interesse storico ed artistico  dell’area del Duomo  .  Hanno pensato poi  ad un ” itinerario floreale” , cioè di collocare dei  gruppi di fioristi che realizzano composizioni nei luoghi interessati  dalla  rassegna , creando così   un percorso  suggestivo ed originale   che conduce   il visitatore  ad apprezzare  tutti  i siti dove si sviluppa  questa edizione estiva di Toscana in Fiore : dalla Porta Fiorentina, al Duomo  ed agli altri  edifici religiosi , ai Palazzi  Nobiliari , agli ingressi dei  giardini  storici   ed  agli spazi  di Piazza  della  Maddalena e  del lungofiume.    Le  composizioni vengono eseguite , secondo la linea dell’arte italiana, con l’intento di  evidenziare il  messaggio di   stile e di  bellezza che   si trasmette  con questa   unitarietà  fra arte   , storia e natura. I  maestri  fioristi della  Federfiori inoltre hanno stabilito di eseguire delle  composizioni che   rappresentano l’evoluzione  dello  stile  dell’arte del dirlo con i fiori .  Si  vuole rappresentare -nel concreto-  lo sviluppo dell’arte  floreale  italiana  nel corso degli anni fino ai giorni nostri , con gli abbinamenti dei colori,  l’uso di varie   tecniche e la disposizione –  in verticale   ed in orizzontale-    di fiori, verde  e  complementi  di arredo.  Si  vuole quindi  rappresentare dal vivo l’antologia  dell’arte  floreale , esemplificandola con  varie  soluzioni di ” centro tavola” , ”  bouquet  da  sposa” , addobbi per matrimonio,  battesimo  e  compleanno ; nonché varie soluzioni di  mazzo di fiori , come   il ”  mazzo classico” , il ” mazzo asimmetrico “, il ”  mazzo rotondo con   sottomazzo di carta crespata” , il ”  mazzo  romantico” ,   il ”  mazzo simmetrico”   ed il ”  mazzo legato” .  L’intervento  dei fioristi di Federfiori  al di là  dello scopo dimostrativo è anche di natura  pratica , poiché  i gruppi al lavoro  si sono detti disponibili anche a rispondere alle curiosità del pubblico sul come conservare  fiori e piante e  quali   fiori e piante acquistare nel corso dell’anno, sia per   un consumo abituale  che  per ricorrenze e festività.

Toscana in Fiore – Pescia   29/30/31  Agosto  2008

Pescia    5/8/2008

Posted in Pescia Tagged with: , ,

agosto 19th, 2008 by admin
Toscana in Fiore: Pescia 29 30 31 agosto 2008

Toscana in Fiore: Pescia 29 30 31 agosto 2008

La  pubblicazione del programma  e   delle  particolarità artistiche, storiche  religiose  e   di  natura architettonica/ambientale , insieme  alle  iniziative   collaterali   ha  determinato , dagli inizi  del mese ad oggi,  un grande  interesse   per i contenuti di ”  Toscana in Fiore”  nel popolo del web.  
Sono centinaia  ogni giorno i contatti che vengono stabiliti nel sito www.pesciainfiore.it     nel quale sono stati inseriti  , con supporti fotografici,  tutti  gli appuntamenti  della  manifestazione  e le  particolarità  che la contraddistinguono da ogni altra iniziativa   promozionale  del settore  florovivaistico   italiano   ed  europeo. 
Un grande interesse   si  riscontra dai contatti per il mix  fra arte, storia  , territorio e  prodotti   novità  nei  fiori  e nelle piante da interno e da  giardino, che  è  il filo conduttore   di Toscana in Fiore .    I navigatori  del  web poi  dimostrano una spiccata curiosità  per   questo insieme   che ha  nell’acqua  del fiume  Pescia,  nelle pietre degli edifici religiosi  e delle  dimore  nobiliari   e nel    verde dei giardini dei Palazzi  religiosi e delle residenze  civili   il  suo connotato di novità.    Ma  la stessa       attenzione  la  si registra anche   nei  collegamenti  col sito  della strada dei sapori e dei colori dell’Appennino , per le eccellenze agro-alimentari  della montagna , come” pecorino a  latte crudo”,  prodotti del sottobosco ( mirtilli, lamponi , fragoline)  e dell’allevamento   e  dell’agricoltura  di tradizione , come  salumi ed insaccati , grano  marzuolo , frutta  e  confetture  e farina dolce di castagne con i suoi derivati : necci, castagnaccio , polenta dolce  e  biscotteria .    Un interesse  che, come ci dice  il Sindaco di Pescia ,Antonio  Abenante , :”  premia   la scelta  di integrare   la promozione  dei fiori e delle  piante   con quella del territorio.   Da  qui il titolo di questa edizione estiva di ” Toscana in Fiore”   che abbiamo chiamato Acqua -Verde –  Pietra .   La  pietra  perché la  mostra   coinvolge  il territorio della Cattedrale di S. Maria, il Palazzo Vescovile, il Capitolo della Cattedrale, con la preziosa Biblioteca  e le bellissime  pitture   settecentesche   e   tutti gli altri pregiati  luoghi di culto , che vengono  impreziositi  dall’esposizione  di fiori e piante.   L’acqua , cioè il fiume  Pescia  che fin dalle  origini   ha  diviso  e  nello stesso  tempo   unito la città.  Una  fontana  in mezzo al fiume  ,  con spettacolari  giochi   d’acqua,  richiama l’attenzione dei visitatori   verso la riva   dove un’ampia area viene  allestita , con piante , elementi di ingegneria  naturalistica , i Laboratori del Gusto   ed  arredi particolari.   Il verde infine è rappresentato  dai numerosi  giardini  dei Palazzi Gentilizi , piccoli e grandi gioielli   ricchi di storia e di   cultura , impreziositi   da  allestimenti   studiati e  progettati  appositamente   per ognuno , proprio   per esaltarne il fascino.”   Il  presidente del Distretto Floricolo Interprovinciale ,  Renzo  Rugani,  apprezza la strategia di legare   i prodotti al loro territorio  e su Toscana in Fiore  dichiara:”   La prima edizione  primaverile    ha riscosso un notevole successo  e replicare  Toscana in Fiore , sia pure con altri temi  culturali,  a soli quattro mesi di   distanza, denota  da parte dell’Amministrazione   Comunale di Pescia , attenzione al   comparto e  notevole   coraggio”. 

TOSCANA  in FIORE ”  Acqua -Verde -Pietra”  -PESCIA  29/30/31   Agosto  2008

Posted in Pescia Tagged with: ,